Rilevatori di gas: cosa sono

Posted by admin 16/03/2018 0 Comment(s) Blog,

Cosa sono i rilevatori di gas? Qual è il loro meccanismo di funzionamento? Quali tipologie di rilevatori di gas sono disponibili in commercio? Perché sono strumentazioni utili?

I rilevatori di gas sono particolari dispositivi progettati per rilevare la presenza di uno o più tipi di gas all’interno di un ambiente, svolgendo pertanto un ruolo di fondamentale importanza per la sicurezza delle persone che vanno ad occupare una determinata area. Queste particolari strumentazioni possono rilevare diverse tipologie di gas velenosi, quali monossido di carbonio, metano o idrogeno solforato.

Il loro meccanismo di funzionamento prevede la presenza di appositi sensori capaci di rilevare la presenza di gas nell’ambiente e, se la percentuale risulta superiore a quella di riferimento preimpostata, rilasciano un segnale acustico e visivo. Questo meccanismo ha infatti lo scopo di avvisare tutte le persone presenti nell’area, in maniera tale da avvisarle della presenza di gas nocivi e, conseguentemente, mettersi in sicurezza.

Quali sono e tipologie di rilevatori di gas in commercio?

I rilevatori di gas possono essere di diversa tipologia, capaci di assecondare al meglio le singole esigenze del pubblico, sia che si tratti di professionisti e lavoratori impiegati in settori specifici, che di abitazioni.

Le principali soluzioni presenti in commercio possono essere così suddivise:

  • Rilevatori di perdite di gas portatili, perfetti per tutti i professionisti che operano alla ricerca di eventuali perdite di gas: semplici da utilizzate e pratici da tenere sempre con sé. Queste soluzioni, dotate di apposite sonde di rilevazione, possono essere calibrate per individuare differenti concentrazioni di gas, rilasciando un segnale sonoro e visivo nel caso in cui la percentuale risulti superiore al livello prestabilito.
  • Rilevatori di gas fissi, probabilmente la tipologia più conosciuta, quella che solitamente viene posta su parete all’interno di abitazioni e cucine. Questa strumentazione consente di rilevare eventuali perdite di gas metano, rilasciando, in caso di concentrazione sopra il livello di sicurezza, un segnale acustico e visivo.
  • Rilevatori di gas portatili mono gas, idonei per l’individuazione di monossido di carbonio, ossigeno e idrogeno solforato. Caratterizzati dalle ridotte dimensioni, risultano pratici e semplici da utilizzare, con possibilità di visualizzare, sul pratico display LCD, la concentrazione del gas misurato. In caso di concentrazione superiore nell’ambiente del gas di riferimento, il rilevatore rilascerà un segnale d’allarme sia acustico che luminoso.

Grazie a questa vasta gamma di rilevatori disponibili, sarà possibile valutare le singole esigenze e decidere per quale optare.

Dove posizionare i rilevatori di gas?

Quando si parla di rilevatori portatili è semplice intuire che gli stessi debbano essere impiegati in aree sempre differenti, in caso di interventi e particolari manutenzioni.

Al contrario, per quanto concerne quelli fissi, solitamente posti all’interno di case ed appartamenti, è bene individuare la zona più adatta ad ospitare questi accessori.

I rilevatori di gas metano in un’abitazione vengono solitamente posti nelle cucine, e viene suggerita l’applicazione a parete, ad una distanza di circa 20/30 centimetri dal soffitto, in quanto il monossido di carbonio è più leggero dell’aria e tende pertanto a salire verso l’alto. È consigliabile anche evitare punti della stanza particolarmente soggetti a ricambio d’aria, queste ultime infatti potrebbero andare ad inficiare la precisione di calcolo del sensore, alterandone la veridicità del risultato.

In ultimo è consigliato installarli in aree dove segnalazioni luminose ed acustiche siano facilmente individuabili dalle persone che frequentano la casa.

Perché posizionare rilevatori di gas all’interno di una casa?

Sicurezza: questa è senza ombra di dubbio la ragione alla base della scelta di posizionare un rilevatore di gas all’interno di un’abitazione.

Nonostante in Italia non sia ancora obbligatorio per legge, in altri stati del mondo, quali ad esempio gli Stati Uniti, l’installazione di questi dispositivi è obbligatoria.

Queste strumentazioni rappresentano infatti un ulteriore strumento in grado di garantire la sicurezza all’interno di una casa, proteggendo da eventuali fughe accidentali di gas tutte le persone che vivono all’interno di essa.

Ora che hai compreso cosa sono i rilevatori di gas, le tipologie in commercio, la loro utilità in una casa e le aree più idonee per la loro installazione, non ti resta che scegliere il dispositivo che meglio si presta a soddisfare le tue necessità.